…c’era anche una Torretta, circondata da alberi…

Serviva in passato a catturare gli uccelli che si posavano a terra per mangiare.

Veniva usata una particolare rete, il “Roccolo”, lanciata dalla torretta stessa.

“Callisto” deriva dal greco “Kalistos” e significa “Bellissimo”

Image

Casa Vassanelli - Quinto Valpantena (VR)

Sono nato in campagna a Quinto di Valpantena nella casa con la torre, al quinto miglio romano da Verona, nella valle di tutti gli dei pagani compreso Bacco.

Per molti anni la valle è rimasta ricca di oliveti nella collina più scoscesa e vigneti in quella più dolce. Un vigneto circondava anche la vecchia casa con la torre e fu lì che a quattro anni ebbi il primo contatto con l’uva. Fui sorpreso dal padrone a rubarla attraverso la rete e il risultato fu un grandissimo spavento.

Sono ricordi lontani ma a chi nasce in campagna restano impresse immagini e profumi indimenticabili, anche se poi la vita ti fa fare altre strade.

Nel corso degli anni mi sono laureato in ingegneria e ho avviato un’attività industriale con una certa fortuna.

La passione per la terra però è rimasta e così cinquant’anni fa ho deciso con mia moglie Patrizia di ritornare in campagna acquistando un rustico di due ettari incolti sulla collina di Parona in Valpolicella a due passi da Verona.

Oltre a un vecchio rustico c’era anche lì una torretta, circondata da alberi, serviva a catturare gli uccelli che si posavano nello spiazzo antistante per mezzo del “roccolo”, una particolare rete che veniva lanciata dalla torretta stessa. Data la posizione e la vista lo chiamarono “Callisto”. Callisto deriva da greco “Kalistos”, la forma superlativa dell’aggettivo “kalos”, che significa bello e quindi “Roccolo Bellissimo”.

Ho iniziato così mettendo a dimora un piccolo vigneto con gli uvaggi tipici: corvina, corvinone, rondinella, molinara, le uvi madri del Valpolicella e dell’Amarone.

Nel corso degli anni l’azienda l’abbiamo allargata, acquistando altri terreni e piantando nuovi vigneti.

Image

Oggi a Parona l’Azienda Agricola Roccolo Callisto è una tenuta di quattordici ettari tra bosco, oliveto e 5,5 ettari di vigneti, un autentico paradiso sulla collina.

Lasciando la strada principale che porta in Valpolicella la tenuta ti accoglie a Parona con un meraviglioso e rigoglioso boschetto, ricco di alberi di ogni specie.

Salendo per la collina si incontra un laghetto popolato da pesci, germani reali e aironi, circondato da vigneti terrazzati, curati nei minimi particolari, ed infine l’uliveto da cui si apre un panorama meraviglioso sul cuore della Valpolicella. Luogo di pace e ristoro per lo spirito, un microcosmo di biodiversità di colture ed habitat di molteplici specie animali che aumentano ogni anno in un ambiente dove è massimo il rispetto per l’ecologia. 

È rimasto il legame con la terra d’origine, la Valle di tutti gli Dei, e così qualche anno fa abbiamo acquistato 9 ettari tra olivi, ciliegi e 5,5 ettari di vigneti a Vendri, una piccola contrada, vicina a Quinto di Valpantena, “il natio suol”.

I terreni della Valpantena sono diversi da quelli della Valpolicella e di conseguenza i vini che si ottengono nei vigneti di Vendri possiedono caratteristiche organolettiche specifiche che li contraddistinguono nettamente dai vini ottenuti con le uve di Parona.

Poiché credo fermamente nell’offerta di vini tipici, figli del loro terroir, ho deciso di tenere distinte le due produzioni durante la vinificazione.

Nella logica del vero rispetto della natura e dell’ambiente stiamo per concludere con soddisfazione il percorso biologico e questa è la finalità del nostro lavoro e del nostro impegno per il futuro.

Claudio Vassanelli

Image

Scopri tutti i vini di Roccolo Callisto

Image

VALPOLICELLA DOC

>
Image

VALPOLICELLA SUPERIORE
DOC

>
Image

VALPOLICELLA SUPERIORE
RIPASSO DOC

>
Image

AMARONE DELLA
VALPOLICELLA DOCG

>